Newsletter del 3 febbraio 2015

 

vuoi iscriverti alla nostra newsletter?
clicca qui
Non vedi correttamente questa newsletter?
clicca qui.

Libreria Utopia via Marsala, 2 Milano MM Piola libreriautopiamilano@gmail.com

Newsletter del 3 febbraio 2015
a cura di LIBRERIA UTOPIA

Nota: per usare i link interni leggi la newsletter qui

In questo numero:

i prossimi appuntamenti

Venerdì 6 febbraio alle 19.00
A.R Orage, Il tempo non è denaro. Credito sociale contro speculazione finanziaria, Mimesis

Martedì 10 febbraio alle 19.00
Massimo Loche, Per via di terra, Voland

Venerdì 13 febbraio alle 19.00
Alberto Magnaghi, Un’idea di libertà (san Vittore 79-Rebibbia 82)


Venerdì 6 febbraio alle 19.00
A.R Orage, Il tempo non è denaro. Credito sociale contro speculazione finanziaria, Mimesis

3
In questa antologia, la prima pubblicata in italiano completamente dedicata al suo pensiero politico ed economico, le idee di Orage vengono esposte in modo chiaro ed esauriente, com’era nello stile dell’Autore, noto per la sua onestà e sincerità intellettuale. “Il tempo non è denaro” è un’affermazione che vuole ricordarci che le cose veramente preziose non sono in vendita, e soprattutto che il denaro stesso è una convenzione, e non ha valore intrinseco: “Il denaro è il più importante bene di consumo della società moderna, dato che comanda legalmente tutti gli altri. La produzione del bene-denaro è un Monopolio della Banca Centrale di ogni specifica area di credito, che ne stabilisce arbitrariamente la quantità in circolazione. Tale subordinazione di tutta l’industria al circuito monetario è alla radice della povertà economica del mondo. La funzione corretta di un sistema monetario è il riflettere la produzione industriale, e non viceversa; vale a dire che la quantità di denaro circolante in una data area di credito dovrebbe espandersi soltanto con la produzione e contrarsi solo a seguito del consumo. La resistenza contro l’adozione di un tale sistema monetario è, in definitiva, quella degli attuali monopolisti di denaro”.

Intervengono:
Giorgio Galli politologo e docente universitario
Luca Gallesi scrittore e giornalista italiano
Pierre Dalla Vigna direttore editoriale Mimesis


Martedì 10 febbraio alle 19.00
Massimo Loche, Per via di terra, Voland

3

“Ma perché non prende l’aereo come tutti gli occidentali?”

Novembre 1974. Il giornalista Massimo Loche, allora corrispondente da Hanoi per “l’Unità”, sceglie per viaggiare un mezzo inusuale: il treno. Parte dal Vietnam, attraversa la Cina di Mao per arrivare a Mosca, nell’Unione Sovietica di Brežnev. Un itinerario irto di complicazioni e difficoltà di ogni tipo, in carrozze a quel tempo lussuose, popolate da marinai romeni e intellettuali jugoslavi, attrici del cinema mongolo e diplomatici avventurosi. Alla scoperta di un mondo che oggi non esiste più ma che è rimasto nell’immaginario di tutti.

Con l’autore interviene Eva Cantarella

Massimo Loche è giornalista e ha collaborato con numerose testate. Per “l’Unità” è stato corrispondente in Algeria e Vietnam negli anni ’70. Ha poi lavorato a “Rinascita” e all’“Espresso” occupandosi di politica internazionale e all’“Unione sarda” di cui è stato direttore. In seguito ha lasciato la carta stampata per la televisione lavorando prima al Tg3, e poi come corrispondente da New York. Dal 2000 al 2005 è stato vicedirettore di Rainews 24. Oggi si dedica prevalentemente a trasmettere le sue conoscenze ai giovani insegnando in diversi corsi di giornalismo.

Eva Cantarella, studiosa del mondo antico di fama internazionale, ha insegnato in molte università italiane e straniere, tra cui Camerino, Parma, Pavia, la University of Texas a Austin e la New York University. È stata professore ordinario di Istituzioni di diritto romano e di Diritto greco antico all’Università degli Studi di Milano. Tra i suoi molti libri, alcuni dei quali tradotti in più lingue, ricordiamo Itaca (Feltrinelli, 2003), vincitore del premio Bagutta, e i più recenti Dammi mille baci(Feltrinelli, 2009) “Sopporta, cuore…” La scelta di Ulisse (Laterza, 2010), Non commettere adulterio (con Paolo Ricca, il Mulino, 2010) e Pompei è viva (con Luciana Jacobelli, Feltrinelli, 2013).


Venerdì 13 febbraio alle 19.00
Alberto Magnaghi, Un’idea di libertà (san Vittore 79-Rebibbia 82)

3Alberto Magnaghi fu tra i fondatori di Potere operaio. Dopo lo scioglimento del gruppo, nel 1973, abbandonò la militanza politica attiva e si dedicò alla ricerca e all’insegnamento universitario divenendo direttore del Dipartimento di Scienze del Territorio della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Il 21 dicembre 1979 si ritrovò inaspettatamente arrestato nel quadro dell’inchiesta giudiziaria cosiddetta «7 aprile» contro l’Autonomia operaia. Scontò così tre anni di carcerazione preventiva. E fu durante quella carcerazione che scrisse questo libro: Un’idea di libertà.
Un diario della sua esperienza quotidiana dello spazio-tempo coatto del carcere. Ma – come sottolinearono lo scrittore Antonio Porta e il critico Mario Spinella – questo testo è soprattutto un’opera di straordinaria levatura letteraria. E, proprio per questo, capace di trascendere il tempo e il contesto in cui è stata scritta. In ciò risiede la sua straordinaria attualità di critica della supposta funzione sociale di rieducazione e risocializzazione dell’istituzione carceraria. I racconti apparentemente «minimali» di Magnaghi (ad esempio, l’autocostruzione di un tavolino con lattine di birra vuote, di mensole con pacchetti di cartone della pasta o di un aliante con materiali vari di riuso) sono esemplificazioni delle strategie di resistenza che il prigioniero mette in atto contro l’annientamento psicofisico del biopotere carcerario, descritto con sintetica lucidità nelle sue funzioni di macchina che alterna ottusità brutale e violenta a raffinatezza del controllo scientifico sui corpi.

Con l’autore intervengono Cecco Bellosi, Sergio Bologna, Aldo Bonomi

A presto e buone letture!

Ricevi questa mail perché sei iscritto alla newsletter della Libreria Utopia, via Marsala, 2 20121 Milano

 

 

This email was sent to *|EMAIL|*

why did I get this? unsubscribe from this list update subscription preferences

*|LIST:ADDRESSLINE|**|REWARDS|*