Libreria Utopia, newsletter del 19 marzo

 

La newsletter della Libreria Utopia Milano
Non vedi correttamente questa newsletter? clicca qui.

Newsletter del 20 marzo 2013

a cura di Filomena Grimaldi
Nota: per usare i link interni leggi la newsletter qui

In questo numero:

Novità sui banchi dell’Utopia

Approfondimenti

  • 8 marzo all’Utopia, I libri di Fausta Bizzozzero e il consiglio di lettura delle libraie per le giovani donne

Prossimi eventi

Novità sui banchi dell’Utopia

Narrativa

Eliana Bouchard La mia unica amica ed. Bollati Boringhieri
In un giorno di ottobre due bambine si trovano a condividere l’unico banco rimasto libero proprio accanto alla cattedra; ci rimarranno per nove mesi, tanto durerà la loro nascente e progressiva amicizia, segnata da provenienze sociali molto diverse. Il conflitto tra loro sempre in agguato nasconde la tenacia di un sentimento purissimo, talmente forte da resistere per un tempo molto superiore alla durata di quell’anno scolastico.
Nei dialoghi delle due amiche si condensano i temi eterni del bene e del male, dell’odio e della gelosia, dell’invidia, della conoscenza, e il rovello tagliente della verità. Vale più la verità o l’amicizia? (continua qui)

Vincenzo Latronico , Armin Linke Narciso nelle colonie Un altro viaggio in Etiopia ed. Quodlibet
Nei primi mesi del 2012 Vincenzo Latronico e Armin Linke arrivano a Gibuti col progetto di raggiungere Addis Abeba utilizzando la ferrovia che costruirono gli ingegneri italiani tra i quali un romanzesco antenato dello scrittore. Latronico, cresciuto ascoltando i racconti familiari, ha intenzione di ripercorre le labili tracce dell’Etiopia fascista e di Hailé Selassié; Linke invece vorrebbe interpretare una terra dai confini indefiniti, illuminata da una luce assoluta, ma difficile da racchiudere in uno scatto. Come accade nelle migliori avventure di viaggio, una volta scoperto di non poter utilizzare la ferrovia, i due troveranno altre cose… (continua qui)

Michele Mari Di bestia in bestia ed. Einaudi nuova versione
il romanzo d’esordio di Michele Mari
«Edito nel 1989 ma scritto a partire dal 1980, quando non avevo ancora venticinque anni, Di bestia in bestia è l’unico dei miei libri a cui abbia rimesso mano. Il tema del romanzo, piú ancora del dualismo fra sublimazione e ferinità, era la contraddizione per cui a sua volta la cultura può essere simultaneamente vissuta come luce (o salvezza) e come impedimento alla vita; come orgoglio, e come lutto. Dovevo dunque scriverlo in modo alto e sublime, ma con tali eccessi da rivelare la componente nevrotico-feticistica di quello stesso stile. Quel diluvio di formule accademiche dunque, quel modo di esprimersi come una postilla erudita o secondo cadenze metriche, erano un eccesso dovuto e funzionale, ma pur sempre un eccesso. Ne ero consapevole, ma sentivo che allora, per quello che il libro rappresentava per me (come una vendicativa resa dei conti con una giovinezza interamente dedicata alla letteratura), dovevo scriverlo e pubblicarlo cosí.

Mauro Covacich L’esperimento ed Einaudi
Chi si ferma è perduto, cosí si dice. Ma forse chi si ferma è perché ha visto un’altra strada.

Per il padre di Gioia il talento non è un dono innato, ma una conquista. È questo il principio con cui ha condotto l’esperimento: ha istruito sua figlia secondo regole ferree, studi ed esercizi, rendendola imbattibile nel gioco degli scacchi. A un passo dal titolo di Grande Maestro, però, Gioia cade preda delle visioni: interferenze che la costringono a spiare un altro mondo. Un mondo in cui vivono un re triste vestito da rapper e la sua intrepida regina, che si muove con lo scooter su e giú per la città, tra uomini in grisaglia freschi di licenziamento, una curiosa declamatrice che recita poesie in mezzo al traffico e voraci consumatori di sesso. E cosí, mentre si avvicina il torneo decisivo e un giornalista – con la scusa di intervistarla – inizia a corteggiare Gioia facendola sentire per la prima volta viva, piano piano nelle esistenze di tutti l’immaginazione rischia di prendere il sopravvento sulla realtà.
Mauro Covacich ha scritto un romanzo impetuoso e appassionante, che esplorando il funzionamento del corpo e della mente dimostra quanto essi siano indissolubilmente legati. Proprio come accade in questa storia, in cui non è possibile capire dove finisce la vita e dove comincia la letteratura.

Saggistica
a cura di Lucio Morawetz pontefice della libreria Utopia

Le segnalazioni di questo numero riguardano dei libri di poche pagine di stretta attualità

Essere di Sinistra Oggi, guida politica al tempo presente
di Alex Foti ed. Il Saggiatore
presenteremo il libro il 21 marzo alle 18.30
Un breve e brillante saggio su cosa significhi, per chi vuole continuare a dirsi di sinistra, affrontare le sfide del presente.
Essere di sinistra oggi significa essere eredi della migliore tradizione della modernità: illuminismo, socialismo, comunismo, anarchia, multiculturalismo, femminismo, ambientalismo, libertà e giustizia sociale, dover affrontare un mondo in cui ogni categoria interpretativa sembra mutata di segno.
Per rendere attuale questa tradizione, una delle vie più brillantemente suggerite dall’autore è quella di una concezione radicale della democrazia più diretta e più partecipata.

Come potremmo vivere W. Morris edizioni Endemunde
Esattamente 130 anni fa il socialista utopista W. Morris prevedeva l’insostenibilità di un modello economico basato su un cieco sviluppo. Pochi anni dopo nel suo Viaggio attraverso Utopia, la storica del pensiero anarchico e utopista Maria Luisa Berneri non può fare a meno di stigmatizzare la demagogia e la retorica di molta della letteratura utopistica di cui morris fa parte (vedi anche viaggio a Icaria di Cabet).
Non si tratta forse solamente di una questione di stile se si pensa che forse un analogo difetto si può trovare nella riflessione di Serge Latouche –Usa e Getta ed Bollati Boringhieri- i cui difetti maggiori sono la sottovalutazione dei costi sociali della decrescita (se come imprenditore dovessi decrescere dovrei licenziare gran parte dei miei collaboratori) e un’idea che oserei definire easy dei paradigmi che reggono il nostro vivere sociale: sebbene l’economia sia una scienza con un’origine storicamente determinata (Latouche dice che è stata inventata cfr. Invenzione dell’economia) questo non significa che un sistema economico non abbia un potere cogente e costrittivo sui membri della società e che sia passibile di essere abolito da un giorno all’altro.

Con grande tempismo le rinate Edizioni di Comunità pubblicano lo scritto di Adriano Olivetti Democrazia senza partiti. Già nel 1949 a solo un anno dalla promulgazione della Costituzione della Repubblica Italiana A Olivetti riconosce una grave crisi nella forma partito come strumento della politica, crisi consistente nell’eccessiva autonomia del partito rispetto al suo fine cioè rappresentare i cittadini. A questa crisi Olivetti rispondeva con la sua idea di comunità, di partecipazione democratica attiva dei cittadini.
Per ovvi motivi diverso ma simile nell’approccio, il breve saggio di Marco Revelli Finale di Partito ed Einaudi. Revelli paragona il passaggio della fora partito da grande partito di massa a partito leggero al passaggio dalla fabbrica fordista al lavoro immateriale, rilevando comunque la necessità di mantenere la democrazia anche nella forma del partito leggero.

Fiera del libro per ragazzi Bologna 25 – 28 marzo
Lunedì 25 marzo inizia la Fiera del Libro per Ragazzi a Bologna, noi libraie degli Utopini andremo con una grande valigia a fare il giro di tutti gli stand degli editori per ragazzi, italiani e stranieri.
E’ un’occasione che ogni anno aspettiamo con grande emozione, vedere tutti i libri di tutti gli editori italiani, le novità, le tavole originali, gli illustratori e le pubblicazioni degli editori di tutto il mondo! Incontreremo gli uffici stampa, gli autori, e tutti gli addetti ai lavori dell’editoria per ragazzi, prenderemo mille idee per le nostre letture animate e i laboratori creativi, torneremo in libreria con una valigia piena di sogni…

Libri per gli Utopini

E’ arrivato Minibombo! Un nuovo editore tra i nostri scaffali.
Chi mi ha rubato il naso? di Lorenzo Clerici
Un mistero nella savana.
Chi ha rubato il naso dell’elefante?
Potrebbe essere stato lo struzzo, il pitone o perfino l’insospettabile giraffa.
Ma l’elefante, poi, ritroverà il suo naso?
Un finale aperto per continuare il gioco anche oltre il libro.

L’eco ed. Lapis di Alessandro Riccioni David Pintor
L’eco vive da secoli rintanata tra le sue montagne e ogni domenica mattina, tra le sette e le undici, ascolta i desideri delle persone.
Tutti hanno qualcosa da chiedere. C’è chi lo fa con irruenza, chi con maleducazione, chi con la voce gentile.
E poi c’è un bambino, che ha la faccia piena di sonno e un desiderio silenzioso di mamma. E l’eco, che ascolta tutto anche i pensieri più segreti, sa come farlo felice.

IL CIRCO 1,2,3 di VAN GENECHTEN ed. Clavis
46 simpatici artisti danno vita all’incredibile circo 1*2*3! Acrobati in bicicletta, funamboli, trapezisti… un fantastico spettacolo per grandi e piccini! Dai, vieni anche tu! Un libro pazzerello per imparare a contare! Dai 2 anni

Mio padre è un PPP di Guus Kuijer
Spik, si sa, è un PPP, un Padre Particolarmente Problematico. Abbandonato dalla terza moglie, è finito sotto i ponti e forse nella trappola della droga. Ma Polleke lo adora, primo perche è suo padre, secondo perche è un poeta, anche se non si decide a scrivere tutte le poesie che ha nella testa.

Pochi scrittori hanno un dono pari al suo di immedesimarsi così efficacemente nella psicologia infantile e di affrontare al contempo tematiche difficili con poetica profondità.” Andersen

Approfondimenti

8 marzo all’Utopia, I libri di Fausta Bizzozzero e il consiglio di lettura delle libraie per i giovani lettori
Per l’8 marzo abbiamo organizzato un pomeriggio tutto al femminile (qui il link all’evento facebook con foto e commenti delle partecipanti): noi libraie abbiamo parlato delle nostre letture preferite, dei libri che ci sono rimasti nel cuore, delle scrittrici e delle storie legate al femminismo. Abbiamo raccontato di come spesso le scelte dei libri per bambine e bambini da parte degli adulti siano ancora troppo orientate al rosa/celeste, ad esempio:
no Peter Pan no, leggi Biancaneve, è più adatto a te!
oppure:
No, i pirati no, tu sei una bambina!
No, Pippi alzelunghe no, è una bambina, tu sei un bambino, leggi Peter Pan…

Il nostro compito di libraie non è quello di orientare il gusto e le scelte dei piccoli lettori, non ci sono intenti didattici, il nostro compito è rendere i libri accessibili, aprendoli e raccontandoli, liberando le storie dai limiti imposti dalle copertine troppo rosa o troppo azzurre, è sostenere la libertà di scelta delle bambine e dei bambini per far sì che possano formarsi un gusto senza pregiudizi.
Quando i bambini sono liberi di scegliere non esiste rosa e non esiste azzurro, lo vediamo tutti i giovedì quando alle 17,00 leggiamo loro le storie a “Storie per Chi Le Vuole“, il primo libro lo scegliamo noi, poi lasciamo liberi i bambini di prendere dagli scaffali le storie che li attirano di più e gliele leggiamo. Fanno scelte audaci, colorate, libere!

Abbiamo poi letto alle nostre ospiti la prefazione a cura di Mariella Gramaglia del libro Nina e i Diritti delle Donne ed. Sinnos di Cecilia D’Elia,
Che cosa sono i diritti delle donne? Cos’è la libertà femminile? Cosa significa differenza? A queste domande cerca di rispondere il libro di Cecilia D’Elia “Nina e i diritti delle donne”, uscito per la casa editrice romana Sinnos, all’interno della collana Nomos, collana di educazione alla cittadinanza. E’ un libro per bambine e per bambini che con un linguaggio semplice, attraverso la storia di una genealogia di tre donne appartenenti a tre generazioni diverse, riesce a raccontare il cammino per la conquista dei diritti delle donne nel nostro paese. Il desiderio di scrivere questo libro nasce dopo il 13 febbraio 2011, quando la grande manifestazione nazionale di Se Non Ora Quando, ha riproposto prepotentemente sulla scena pubblica la questione femminile con un modello del tutto nuovo rispetto ai precedenti. Il libro è composto anche di un’appendice in cui si spiegano alcuni passi legislativi e si presentano alcune delle grandi donne che hanno contribuito a fare la storia nel mondo e da dei “post it” di approfondimenti dei grandi temi toccati dal libro.

Fausta Bizzozzero, la fondatrice dell’Utopia doveva essere con noi a raccontarci le sue letture e i libri che hanno fatto la storia dello scaffale “Femminismo” della libreria Utopia, all’ultimo momento però ha dovuto rinunciare all’incontro ma ci ha lasciato la sua bibliografia, potete scaricarla a questo link: I libri di Fausta.

Abbiamo poi creato un evento su facebook 8 marzo in libreria lì troverete le foto dell’evento e altri contributi che man mano aggiungeremo.
Grazie alla collaborazione della giornalista Laura Salonia, è passata a trovarci anche la responsabile delle comunicazioni del portale RetedelledonneSerena Omodeo Salé- che sta mappando l’attivismo femminile in Italia; qui trovate il profilo facebook di Donne per Milano una delle associazioni mappate dal portale Retedelledonne che vi invitiamo a seguire.

Gli stimoli che abbiamo ricevuto durante questo incontro sono stati davvero tantissimi, stiamo pensando ad altri incontri, seguite l’evento su facebook 8 marzo in libreria per tutti gli aggiornamenti e scriveteci a libreriutopiamilano@gmail.com per nuove proposte!

Prossimi eventi

giovedì 21 marzo ore 17 ,oo
Storie per chi le vuole :-)
Cari Utopini, tutti i giovedì alle 17, dopo la scuola, passate a trovarci in libreria:
VI LEGGIAMO UNA BELLA STORIA!
Gli albi più belli, le storie più avventurose, divertenti e colorate!
La prima la scegliamo noi, poi sarete liberi di pescare dai nostri scaffali le storie che vi incantano di più, ve le leggeremo tutte :-) ingresso libero e gratuito!


Giovedì 21 marzo ore 18.30
Essere di Sinistra Oggi, guida politica al tempo presente
di Alex Foti ed. Il Saggiatore
con l’autore dialogherà Lucio Morawetz titolare della libreria Utopia e Francesca Sironi, giornalista dell’Espresso e web mistress di MilanoX.
Ci sarà anche il bar con il nostro Skinny Chef in the Box!
Essere di sinistra oggi non è per niente facile. La sinistra è vecchia e inefficace. Nostalgica delle rivoluzioni che furono, prigioniera di un’ideologia smentita dal tempo, parla un linguaggio obsoleto per il XXI secolo. Alex Foti indica la strada che la sinistra deve percorrere se vuole restare viva, attraverso alcune tappe imprescindibili. La prossima sinistra deve essere europea e transnazionale, perché una cultura cosmopolita è il migliore antidoto all’odio religioso e xenofobo. (continua a leggere qui)


venerdì 22 marzo ore 18.30

clicca per ingrandireEvento SUR!
Come in altre occasioni, l’editore SUR ha pensato a un grande evento collettivo per questo lancio: dal 18 al 24 marzo, in decine di librerie indipendenti di tutta Italia verrà letto IL CANTIERE di Juan Carlos Onetti.
Tutti i reading comporranno, mattone su mattone, una lettura integrale del romanzo che sarà poi visibile su:youtube.com/edizionisur
Noi dell’Utopia leggeremo le pagine 225, 226, vi racconteremo del libro e filmeremo i lettori! Altri dettagli nella prossima newsletter.

venerdì 22 marzo ore 19,30
La Banda del Palo d’Oro
Jam di lettura del romanzo di Enzo d’Antonio La banda del palo d’oro(adestdellquatore.ed).
Oltre all’autore presenteranno il libro Dario Borso, Stefano Raimondi, Lucio Moraewtz, Luca Cittadini e ospiti a sorpresa!
Nel corso della serata sarà tentato l’esperimento alchemico della trasformazione del romanzo La Banda del Palo d’Oro dallo stato elettronico a quello fisico…

sfoglia il libro visita il progetto prenota la quota



sabato 23 marzo ore 11.00
Corso di Letteratura Americana seconda lezione
sette incontri in libreria, sette libri su cui discutere a cura di Nicola Manuppelli, scrittore, traduttore, esperto di letteratura americana.
Un gruppo di lettura seguito da un breve viaggio nella vita e nell’epoca di alcuni fra i più importanti autori americani, con il supporto di musica e immagini: Fitzgerald, Hemingway, Whitman, King, Springsteen Dylan, Carver, Bellow, Roth, McCarthy, Ellis, Cohene molti altri.
Prossima lezione: Henry Roth
Letture di racconti, poesie e romanzi, proiezioni, dibattiti e la possibilità di poter discutere direttamente con alcuni dei protagonisti della letteratura americana di oggi in collegamento via skype!
Un percorso letterario per chi ama i libri e le storie.
Segnalato da Wuz Cultura

Dettagli del corso
Durata: sette incontri di circa 2 ore
Quando: sempre di sabato alle ore 11, (tutti i sabati dal 16 marzo al 27 aprile)
Dove: Libreria Utopia via Vallazze, 34 MM Piola
Costo: € 28,50 a lezione ci si può iscrivere alle singole lezioni indicando in anticipo le date scelte

Informazioni e prenotazioni solo via mail: libreriautopiamilano@gmail.com
Programma degli incontri, iscrizioni, informazioni e costi a questo link

Curiosità su Henry Roth, su cui si terrà la prossima lezione
A questo link potrete vedere un video sugli sbarchi a Ellis Island, Henry Roth arrivò in America proprio su una di quelle navi.
Ecco invece un documentario sulla vita nei tenements, i quartieri popolari dove molti immigrati andavano ad abitare compresa la famiglia di Henry Roth, Qui le foto di Jacob Riis su quei quartieri, in un’inchiesta che all’epoca fece scandalo.

Ascolti
Insieme a libri, film e video, Nicola Manuppelli che tiene il corso, consiglia anche degli ottimi ascolti tematici: per la lezione su Henry Roth il consiglio è tutto l’album “Time out of mind” di Bob Dylan. Buon ascolto!

sabato 23 marzo ore 17.00 Utopini!
incontro con Emanuela Bussolati
Anghingò, ed. Il Castoro
Giochi di voce, suoni di parole, schiocchi di lettere… tutto viene da lontano: da filastrocche, conte e stroccole che le nonne delle nonne delle nonne hanno tramandato fino ai nipotini dei nipotini dei nipotini…
e ora sono qui, in Anghingò.
età consigliata dai 3 ai 6 anni
ingresso gratuito fino a esaurimento posti
prenotazioni solo via mail qui utopiabambini@gmail.com

il libro: AN GHIN GO’ Filastrocche, canzoncine e stroccole da leggere AD ALTA VOCE per farsi venire la ridarella!
Madama Doré, Piso Pisello, Ma che bel castello, Crapapelata e tante altre filastrocche tradizionali raccolte e illustrate con semplicità e allegria da Emanuela Bussolati, in una irresistibile girandola di pagine colorate e parole in rima, da leggere (e cantare!) ad alta voce.
Illustrazioni di Emanuela Bussolati.


L’autrice e illustratrice:
Emanuela Bussolati ha avuto la fortuna di avere un papà narratore e disegnatore. Le sue letture, i suoi spettacoli di marionette e i suoi disegni l’hanno spinta a mettersi alla prova.
Da grande ha lavorato in un centro di psicologia per l’età evolutiva, ha creato libri per bebé e per ragazzi di 7, 8 anni, ha vinto premi, ha fatto laboratori con genitori e insegnanti, ha mosso qualche passo nel teatro.
Tutte cose belle, di cui è grata alla vita.

A presto e buone letture!

 

Ricevi questa mail perché sei iscritto alla newsletter della Libreria Utopia, via Moscova, 52 20121 Milano

 

 

This email was sent to *|EMAIL|*

why did I get this? unsubscribe from this list update subscription preferences

*|LIST:ADDRESSLINE|**|REWARDS|*