Libreria Utopia, eventi della settimana

 

La newsletter della Libreria Utopia Milano
Non vedi correttamente questa newsletter? clicca qui.

Newsletter del 22 novembre 2012

a cura di Filomena Grimaldi

In questo numero:

 

Eventi in libreria:
giovedì 22 novembre (oggi) ore 18.30
Forme e sintassi della trasformazione: Christian Marinotti Edizioni, un percorso tematico
Relatori: Carlo Sini e Florinda Cambria

Club del Libro venerdì 23 novembre ore 18,30
Elisabeth Strout, Olive Kitteridge, Fazi
Il Club del Libro è un’occasione per leggere o rileggere i grandi libri della letteratura di tutto il mondo e soprattutto per condividere la passione per la lettura con altri lettori.
Durante l’incontro ci saranno letture ad alta voce dei brani più significativi del libro scelto e Lucio Morawetz -libraio e titolare della libreria Utopia- che modererà il dibattito, racconterà perché ha scelto proprio “Olive Kitterdge” di Elizabeth Strout ed Fazi.
L’autrice: Elizabeth Strout è nata a Portland (Maine) nel 1956. Nel 2000 è stata finalista all’Orange Prize ed al Premio PEN/Faulkner per la narrativa. E’ autrice di Amy e Isabelle (Fazi Editore 2000, nuova edizione 2010 con l’introduzione di Valeria Parrella) e Olive Kitteridge (Fazi Editore 2009), che le è valso il Premio Pulitzer per la Letteratura imponendola come una delle più alte voci della narrativa americana contemporanea.
Siete tutti invitati a partecipare! Fino al giorno dell’incontro il libro sarà venduto al 10% di sconto. Buona Lettura!

Bookup! la prima storia bella, venerdì 23 novembre durante e dopo il Club del Libro (ore 18.30)
Libri, lettori, esordienti & librai indispensabili
Quali sono i romanzi d’esordio più belli degli ultimi due anni? Qual è il “primo libro” di uno scrittore che più ti è piaciuto? Lo raccontano, dal 17 al 25 novembre 2012, lettori, librai, editori, scrittori esordienti & scrittori che hanno esordito una vita fa, musicisti, personaggi celebri di tutta Italia. Ce lo racconterai anche tu! …continua a leggere su lettidinotte.it
Cosa faremo noi della libreria Utopia? Venite a scoprirlo venerdì 23 novembre dalle 18,30 durante il nostro Club del Libro, vi chiederemo di scegliere un “primo libro” per un’occasione molto particolare…e vi racconteremo il nostro!

Writersfestival gli scrittori (si) raccontano 24 e 25 novembre ai Frigoriferi Milanesi
WRITERS #0. Gli scrittori (si) raccontano, è un variopinto incontro di scrittori e poeti, attori e musicisti che si muovono negli spazi dei Frigoriferi Milanesi (google map) inventandosi modi diversi di avvicinare pubblico e lettori, partendo dalle risorse di spazio e tesori del luogo, ricco di suggestioni e di storia, fusione di arte, manualità e cultura. La Galleria in cui allestiremo un banco libreria di 43 metri!!!
1200 metri quadri di allestimento tra lo spazio Cubo e lo spazio Galleria, mentre nella Sala Carroponte la letteratura si fonderà con l’immagine tra videoproiezioni e presentazioni. Inoltre nei laboratori e nel Caveau di Open Care si terranno suggestive letture, incontri e workshop e per non trascurare il palato, La Cucina dei Frigoriferi Milanesi ospiterà il lato più conviviale di Writers. Ma cosa faremo noi della libreria Utopia per WRITERSFESTIVAL? Allestiremo un banco di libri di 43 metri di lunghezza nella Galleria! Ci saranno ovviamente i libri degli autori presenti, narrativa, saggistica, libri illustrati, libri pop up, e una mostra di libri popo up a cura di Paolo Lutri. Stiamo preparando un catalogo con una selezione speciale per il festival! Navigate nel sito di WRITESRSFESTIVAL , iscrivetevi alla newsletter (scorrete la colonna a destra nella homepage del loro sito), seguite WRITERSFESTIVAL sui socialnetwork e date un’occhiata al ricchissimo programma!
C’è l’omaggio a WISLAWA SZYMBORSKA , Bookup! l’ora dell’esordiente e l’Arte di Copiare a cura di Claudia Tarolo e Marco Zapparoli di Marcos Y Marcos che si terrà proprio nella zona libreria, ve lo consigliamo! Il programma è davvero interessante, passate a trovarci!

 

Utopini Club di Lettura
sabato 24 novembre ore 17.00
Club di Lettura
La Principessa Capovolta una catastrofe in 24 capitoli (link alla scheda del libro)la principessa in vetrina
Un racconto-gioco ispirato agli Esercizi di Stile di Queneau ed. Einaudi, per far scoprire ai giovani lettori che con le storie ci si può divertire un sacco.
“Era una bella mattina d’estate”
“Papà ma che dici, sta piovendo a catinelle!”
“lo vedo che piove. E’ per questo che dentro la storia voglio metterci il sole”

incontro con l’autore: Andrea Sottile (leggi un’intervista, c’è anche il cane Ottantotto!) , a seguire: attività creativa gratuita
Informazioni: utopiabambini@gmail.com
Guardate l’album con le foto della nostra vetrina bambini di via Moscova dedicata alla Principessa Capovolta!

Utopini e non solo Utopini … a Natale
domenica 2 e domenica 9 dicembre alle 15.30
Storie di Natale
lettura e laboratorio creativo con tema natalizio PER TUTTI anche per i grandi!
domenica 2 e domenica 9 dicembre alle 15.30
, è necessaria la prenotazione
costo €8.00 compresi i materiali
iscriviti qui: utopiabambini@gmail.com indicando nome ed età dei partecipanti

Ci sarà un pomeriggio dedicato ai libri per bambini in cui Filomena e Rosy, le libraie che curano Utopini, vi accoglieranno nello spazio bambini con the caldo e biscotti, vi mostreranno le ultime novità, vi daranno qualche consiglio per scegliere i libri per i vostri piccoli, vi presenteranno il catalogo dei loro editori preferiti e magari vi leggeranno anche una bella storia… (dettagli nella prossima newsletter)


Bookcity, un articolo di Finzionimagazine.it con un ‘intervista a Lucio Morawetz, titolare della nostra libreria.
Domenica sera con l’incontro nella Sala Sforzesca, Verdi l’Italiano, si è conclusa la prima edizione di BOOKCITY, che ha accolto la realizzazione di 350 eventi gratuiti distribuiti per tutta Milano con epicentro al Castello Sforzesco. Tema? Il libro. continua a leggere
Cos’è Finzionimagazine? leggi qui

Novità sul banco dell’Utopia

Prilepin Zachar Il Peccato ed. Voland, a cura di Nicoletta Marcialis
Un romanzo fatto di frammenti. Dieci storie ispirate alla vita di Zachar Prilepin prima che diventasse scrittore di successo. Zachar ragazzino, alle prese con i primi turbamenti erotici. Zachar che vive alla giornata. Zachar che cambia mille mestieri, scarica camion e scrive poesie. Zachar becchino e buttafuori. Zachar innamorato. Zachar padre. Zachar sergente in Cecenia. Zachar che trabocca d’amore per la vita, ma vive nel pensiero della morte, nell’idea che per sconfiggere la ripugnante, vergognosa paura della morte occorra sfidarla, andarle incontro, farne una scelta consapevole. Zachar ossessionato dalla paura dell’umiliazione. Zachar umiliato. continua qui

Curzio Malaparte, Il ballo al Kremlino (Materiale per un romanzo) ed Adelphi, a cura di Raffaella RodondiLa fama di Malaparte è legata soprattutto a Kaputt (1944) e a La pelle (1949): ma pochi conoscevano finora questo libro segreto, che potrebbe costituire il terzo pannello del grande affresco sulla decadenza dell’Europa. Germinato nel 1946 dal cantiere della Pelle, divenuto romanzo autonomo, ceduto nel 1948 a Gallimard e poi abbandonato (verosimilmente nel 1950), Il ballo al Kremlino è un insolente ritratto della «nobiltà marxista» alla fine degli anni Venti, allorché comincia ad aleggiare l’odore di ferro e di carbone della prima Pjatiletka e l’ar­resto di Kamenev proietta la cupa ombra delle epurazioni… continua qui

Ian McEwan, Miele, ed Einaudi traduzione di Maurizia Balmelli
Per Serena Frome, bella figlia di un vescovo anglicano, l’avventura sta tutta nei romanzi che divora uno dopo l’altro per sfuggire alla noia. Ma quando l’agenzia d’intelligence britannica MI5 la ingaggia come spia al servizio della guerra fredda, per lei il rischio e la passione si trasferiscono dalla carta alla vita.
«Miele» è il nome in codice dell’operazione cui deve prendere parte, Tom Haley quello del romanziere che ha il compito di adescare. Dovrà avvicinarlo, coprirlo di quattrini e segretamente assoldarlo alla causa dell’Occidente. Dovrà batterlo sul suo stesso terreno, quello della finzione. Non tradirsi. Non fidarsi. E perderà.

Selma Lagerlöf, Il libro di Natale, ed. Iperborea, traduzione di: Maria Cristina Lombardi
Il Natale con le sue leggende, il buio dell’inverno svedese, il calore delle storie accanto al fuoco, la nostalgia di antichi ricordi, l’immensità della natura, ma anche la piccola dose di crudeltà tipica della tradizione delle fiabe popolari sono le atmosfere che si respirano negli otto magistrali racconti della narratrice svedese Selma Lagerlöf, Premio Nobel 1909, “la più grande scrittrice dell’Ottocento”, secondo Marguerite Yourcenar. L’incipit da c’era una volta risveglia l’incanto delle storie dell’infanzia, ma basta un incontro inatteso, un gesto, una parola perché ci sia un piccolo scatto, una deviazione: dal mondo delle fiabe si passa a quello degli uomini, resi più umani da quel lampo d’illuminazione. continua
Contenuti extrapdf Scarica le prime pagine in Pdf

A presto e buone letture!

Ricevi questa mail perché sei iscritto alla newsletter della Libreria Utopia, via Moscova, 52 20121 Milano

 

 

This email was sent to *|EMAIL|*

why did I get this? unsubscribe from this list update subscription preferences

*|LIST:ADDRESSLINE|**|REWARDS|*